Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Valutazione di Incidenza Ambientale

Tipologia: Servizi

  • Data di ultima modifica: 15.01.18

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.E.C.: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Competenze

La valutazione d'incidenza è disciplinata dall'art. 6 del DPR 12 marzo 2003, n. 120, che ha modificato il DPR 357/97.

Sono sottoposti a valutazione di incidenza tutti i piani territoriali, urbanistici e di settore, ivi compresi i piani agricoli e faunistico-venatori e le loro varianti.

Sono altresì da sottoporre a valutazione di incidenza tutti gli interventi non direttamente connessi e necessari al mantenimento in uno stato di conservazione soddisfacente delle specie e degli habitat presenti in un Sito Natura 2000 (SIC, ZPS), ma che possono avere incidenze significative sul sito stesso, singolarmente o congiuntamente ad altri interventi.

Trattasi di un procedimento preventivo, per il quale è prevista la definizione di due livelli, una fase preliminare di screening (livello I) attraverso la quale
verificare la possibilità che il progetto–piano possa avere un effetto significativo sul sito Natura 2000 interessato, ed una cosiddetta Valutazione ppropriata (livello II) consistente nella vera e propria valutazione di incidenza (D.G.R. Puglia 304/2006).

La L.R. 17/2007 ha delegato la Provincia di Taranto ad espletare le procedure di Valutazione di Incidenza di progetti, salvo che gli interventi non ricadano nelle Zone A e Zone B dei centri edificati (Reg. Reg. 28 settembre 2005) o che siano finanziati con fondi strutturali (art. 23 della L.R. n. 18 del 03.07.2012).

Descrizione

Come fare:

Il Proponente presenta alla Provincia di Taranto (per il tramite del SUAP/SUE) istanza in bollo secondo la modulistica di Settore corredata dagli allegati indicati nel modello di domanda e dal versamento per oneri istruttori, calcolati secondo gli importi di cui all'Allegato 1, Tabella 1, della L.R. 17/2007, da effettuare sul c.c.p. . 12380747 oppure con Bonifico Bancario IBAN  IT11P0101004015100000046772– causale: “Tariffe per spese istruttorie relative a Valutazione d’Incidenza Ambientale”.

Documentazione da presentare:

1. Istanza (mod. vinca 1)

2. Progetto definitivo presentato all’autorità preposta all’approvazione (comprensivo di Relazione tecnica descrittiva, planimetrie stato di fatto e di progetto,
piante, prospetti e sezioni, ect);

3. Documentazione fotografica rappresentativa dell’attuale stato dei luoghi con indicazione dei punti di presa;

4. Elaborato Valutazione di Incidenza Ambientale [Livello I Screening (mod. 4)/ livello II Appropriata] - redatta ai sensi della D.G.R. n. 304/2006;

5. N. 1 copia di tutti gli elaborati tecnico – descrittivi e della Valutazione di Incidenza Ambientale (punti 2, 3 e 4) su supporto informatico (CD-ROM);

6. ricevuta di versamento dell’importo specificato nell’allegato 1 della L.R. 17/2007, intestato a Provincia di Taranto c/c postale n.12380747 – oppure Bonifico Bancario IBAN IT11P0101004015100000046772 -causale “Tariffe per spese istruttorie relative a Valutazione d’Incidenza Ambientale”;

7. autocertificazione dei requisiti e dell’importo dell’opera, reso ai sensi del D.P.R. 445/2000 (MOD VINCA 2);

8. Titolo di possesso o autocertificazione della titolarità a presentare l’istanza (MOD VINCA 3).

Torna a inizio pagina