Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Professioni turistiche - primi chiarimenti

Al fine di agevolare le operazioni di iscrizione ai bandi per Guida e Accompagnatore turistico, e per dare riscontro a diversi quesiti finora pervenuti, sono stati formulati primi chiarimenti ufficiali.

Dettagli della notizia

In base ai quesiti pervenuti da diversi soggetti interessati, si comunicano i seguenti chiarimenti:

1) Validità dell’abilitazione su tutto il territorio nazionale.
Il titolo abilitativo rilasciato dalla Provincia di Taranto, in quanto conforme al procedimento previsto dalla L. N. n. 97 del 6/8/2013 (art. 3) e dalla L.R. n. 13 del 25/05/2012 e s.m.i., è valido non solo in ambito provinciale o regionale ma su tutto il territorio nazionale.

2) Richieste di indicazioni bibliografiche per testi di preparazione all’esame.
L’Amministrazione non è legittimata a fornire indicazioni circa monografie attinenti al programma di esame, poiché sul mercato sono disponibili diversi testi editi da diverse case concorrenti tra loro. Altresì, occorre evitare il rischio di fornire indicazioni fuorvianti rispetto alle decisioni sugli argomenti di esame, di esclusiva competenza della Commissione ancora da nominare.
Saranno comunque fortemente significative le indicazioni desumibili dai quesiti ufficiali contenute nella banca dati, la cui pubblicazione è garantita almeno 30 giorni prima della prova scritta.

3) Assenza di lingua straniera delle prove di esame.
Per quanto possa sembrare anomalo, l’Amministrazione non ha potuto inserire tra le materie obbligatorie di esame la conoscenza di una o più lingue straniere poiché ha agito nello stretto alveo della L.R. n. 13 del 25/05/2012 e s.m.i. e delle linee guida approvate con Deliberazione di Giunta Regionale n. 1069 del 27/05/2014; è altresì vero che per l’esercizio della professione in lingua diversa da quella italiana la legge prevede l’indizione di specifiche sessione di esami da organizzare nel prossimo futuro.

4) Indicazioni della data di massima per l’espletamento della prova scritta.
Fatte salve le incognite derivanti dalla disponibilità dei Commissari di esame (per i quali è comunque prevista la sostituzione vicaria) o derivanti da cause esterne all’Amministrazione, il cronoprogramma prevede l’espletamento delle prove scritte non oltre la prima settimana di Giugno e l’avvio delle prove orali entro la seconda settimana successiva;

5) Iscrizione di cittadini nati o residenti all’estero.
La piattaforma digitale predisposta per la presentazione delle istanze di partecipazione, nella parte in cui prevede l’indicazione del Comune di nascita e del Comune di residenza, conteneva un elenco chiuso riferito ai soli Comuni italiani; la stessa è ora stata integrata con la possibilità di indicare lo “Stato estero”;

6) Indicazione di codice fiscale estero.
La piattaforma digitale, predisposta per la presentazione delle istanze di partecipazione, nella parte in cui prevede l’indicazione del Codice fiscale conteneva un meccanismo di controllo interno riferito ai soli codici fiscali italiani; la stessa è stata modificata e ora è possibile indicare i codici fiscali di altre nazionalità;

7) Inserimento in allegato del documento di riconoscimento.
Il documento di riconoscimento richiesto dalla piattaforma digitale deve essere inserito e visibile in modalità fronte-retro, onde evitare richieste di integrazione e di eventuale e successivo diniego dell’istanza. Resta inteso che tutti i documenti allegati devono essere apribili e visibili.

Torna a inizio pagina